Datasys Magazine | Karsu Tekstil. Filati dalla Turchia
Karsu Tekstil. Filati dalla Turchia. Intervista a Irfan Matak – IT Director Karsu Tekstil
tecnologia, tessile
3458
post-template-default,single,single-post,postid-3458,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,vss_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Soktas. Tessuti per il lusso dalla Turchia

Intervista a Muzaffer Kayhan – General Manager Soktas

A cura di Luigi Torriani e Costanza Pol

SOKTASImportante azienda tessile turca, fondata nel 1971 e quotata in Borsa a partire dal 1995, Soktas è specializzata nella produzione di tessuti in cotone e misti per camiceria e per giacche e pantaloni. Ha sede centrale a Söke.

Soktas ha un grande showroom di moda a Istanbul e ha un reparto di ricerca e sviluppo che può contare su un team di oltre 40 persone. Dal punto di vista del design tessile e dello studio finalizzato a migliorare bellezza ed efficienza dei tessuti quali sono i punti di forza di Soktas e quali sono i progetti più creativi e più innovativi portati avanti negli ultimi anni? Può parlarci del progetto Meander 71?

Il progetto Meander 71 è sicuramente uno dei progetti più innovativi e creativi che abbiamo portato avanti negli ultimi anni, e fa capire bene che cosa intendiamo per ricerca, sviluppo e innovazione. Il progetto consiste – in estrema sintesi – nello sviluppo di una nuova varietà di cotone. Abbiamo lavorato in collaborazione con il Cotton Research Institute of Turkey e siamo effettivamente riusciti a sviluppare quello che è ad oggi il primo cotone a fibra lunga coltivato in Asia Minore. È un cotone che abbiamo piantato nei campi di  Söke, vicino alla sede centrale della nostra azienda, e che consente di produrre fibre eccezionalmente forti, fini e setose. Al momento siamo gli unici nel mondo a coltivare e a lavorare questo cotone speciale, ecosostenibile e al tempo stesso adatto a produzioni di altissima qualità. I filati che si ricavano lavorandolo sono assolutamente competitivi e non sono inferiori rispetto alle prestigiose varietà egiziane Giza, che pure continuiamo a utilizzare in speciali linee a rilascio limitato di tessuti di cotone superfini.

Soktas partecipa a Trash-2-Cash, progetto finanziato dall’Unione Europea con l’obiettivo di creare nuovi tessuti riciclando i rifiuti tessili, ed è parte attiva anche nel progetto NeoCell, che ha lo scopo di produrre tessuti da cellulosa e fibre naturali. Dal punto di vista qualitativo si possono ottenere – riciclando – dei prodotti analoghi a quelli in cotone standard? È possibile conciliare qualità e rispetto dell’ambiente?

Riciclare oggi è fondamentale per salvaguardare l’ambiente, e siamo molto orgogliosi di essere un’azienda eco-consapevole e di prendere parte a importanti progetti internazionali come Trash-2-Cash e NeoCell. Parliamo però di progetti che hanno appena finito o stanno per finire le fasi di test, per cui è ancora presto per dare giudizi sulla qualità dei prodotti. Al momento il prodotto finale che stiamo ottenendo è una fibra che è adatta non per articoli di lusso ma per realizzare t-shirt e altri articoli di base, ma i team che lavorano su questo fronte operano instancabilmente per migliorare i prodotti e per ampliarne l’area di utilizzo.

Soktas oggi vende anche online e ha dei propri canali e-commerce. Quanto è importante questo comparto commerciale dal punto di vista dell’immagine e dal punto di vista del business?

La vita nel 21° secolo è estremamente veloce, e il tempo è oggi la merce più importante e più costosa del mondo. È chiaro che in questo contesto anche le tendenze dei consumatori si evolvono e si adattano a questi ritmi: raramente abbiamo il tempo di andare a fare piacevoli gite di shopping e gli acquisti più importanti ormai li facciamo online, in genere direttamente dai nostri smartphone. I nostri clienti non fanno eccezione: vogliono essere in grado di acquistare la qualità della maglietta o del tessuto a cui sono abituati ovunque si trovino e in qualsiasi momento. Abbiamo dunque avviato due siti di e-commerce: shop.soktas.com per tessuti che il cliente può poi portare dal proprio sarto per farli trasformare in camicie, e www.gizahouse.com per acquistare camicie realizzate e confezionate direttamente da noi. Abbiamo anche intenzione di introdurre a breve sui nostri siti di e-commerce delle nuove funzioni, e in particolare  vogliamo offrire ai clienti la possibilità di indicare le proprie misure e di ordinare una camicia fatta su misura.

Nel settore tessile oggi è fondamentale il fattore velocità. Come vi muovete su questo fronte e che cosa fate in concreto per velocizzare e per accorciare i tempi di consegna?

La velocità è sempre stata un fattore importante nel settore tessile, ma oggi lo è molto di più rispetto a un tempo ed è ormai un fattore decisivo. I nostri clienti, anche i marchi di alta moda con cui collaboriamo, stanno iniziando a eliminare le regolari collezioni a due stagioni e optano spesso per una transizione più fluida con le collezioni di quattro stagioni o per la modalità del “guarda ora, acquista ora”. È il successo dei marchi di fast fashion come H&M e Zara che sta spingendo tutti, anche nell’alta moda, in questa direzione. Le persone oggi non sono più disposte ad aspettare per poter comprare qualcosa che vedono su una rivista o online, e questo spinge i marchi a provare a mettere nuovi prodotti nelle loro linee molto rapidamente e continuamente. Di conseguenza, evidentemente, i tempi di consegna dei produttori come SOKTAS sono diminuiti drasticamente.

Credo comunque che il nostro know-how ci consenta di rispondere in modo altamente competitivo a queste richieste. Noi di SOKTAS siamo sempre in grado di produrre nelle quantità e nelle tempistiche (sempre più ridotte) che il mercato richiede, grazie a una meticolosa pianificazione e in virtù di una serie di innovazioni che abbiamo introdotto nei processi di produzione.

 

Cosa pensa dell’andamento ed evoluzione del mercato tessile in questi ultimi anni? Come è cambiato il settore tessile, a livello mondiale, e come potrebbe cambiare nei prossimi anni?

I grandi cambiamenti che il settore tessile ha attraversato negli ultimi anni sono legati essenzialmente a due elementi: il fattore velocità (di cui abbiamo parlato in precedenza) e la questione dell’ecologia e della sostenibilità ambientale e sociale. Le persone oggi hanno una coscienza ambientale ed etica, hanno una consapevolezza dei problemi che prima non avevano, si informano e si preoccupano di dove e di come sono stati realizzati i prodotti che intendono acquistare. Questa tendenza storica rappresenta secondo me un fenomeno molto positivo per il settore dell’industria tessile, che per troppo tempo in passato si è caratterizzata negativamente per lo sfruttamento eccessivo sia delle persone sia delle risorse naturali. Credo che sarà proprio il tema della sostenibilità (in senso sociale e in senso ecologico) il fulcro intorno al quale si muoveranno anche nei prossimi anni le nuove tendenze globali del settore; lo penso e al tempo stesso me lo auguro.



Accetta la nostra privacy policy prima di inviare il tuo messaggio. I tuoi dati verranno utilizzati solo per contattarti in merito alla richieste da te effettuate. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close